Adattamento al cambiamento climatico

L'Accordo RAMOGE ha voluto realizzare uno studio sulla valutazione dei rischi costieri legati ai cambiamenti climatici per valutarne gli impatti sugli ecosistemi costieri e marini della zona RAMOGE entro il 2100. Questi elementi permetteranno ai responsabili delle decisioni di anticipare per compensare la perdita di valore di questi ecosistemi.

Per realizzare questo lavoro, l'Accordo RAMOGE si è rivolto al Plan Bleu e alla Fondazione Medsea.

L'obiettivo di questa missione è quello di valorizzare gli studi esistenti (evitando la duplicazione di lavori già svolti in Francia o in Italia) e di sviluppare una metodologia specifica per valutare i rischi per i principali ecosistemi rilevanti. I siti selezionati sono costieri, come le coste sabbiose, le foreste costiere, le zone umide; e marini, come la Posidonia oceanica e la coralligena.

Questo studio sta sviluppando un "Indice RAMOGE" basato su un metodo che integra la valutazione della vulnerabilità e i rischi associati alla perdita degli ecosistemi a causa dei pericoli costieri. Il rischio è definito in funzione del forzante, della vulnerabilità e dell'esposizione.


© SPM of WGII AR5 (GIEC, 2014)
Risk as a function of hazards, vulnerability and exposure.



I principali fattori di pressione del forzante climatico sono i seguenti:


I fattori analizzati per definire il livello di vulnerabilità della zona sono i seguenti:

Sulla base del rischio costiero assegnato a ciascun ecosistema, lo studio calcola il costo associato alla perdita di questi ecosistemi.

Tre aree pilota, Antibes, Monaco e Portofino, sono state analizzate in modo più dettagliato, sulla base dei dati raccolti localmente. Per ciascuna di queste aree è stata stimata la perdita economica tra il 2018 e il 2100.

In conclusione, si può osservare che gli ecosistemi più esposti al rischio climatico sono le spiagge, le zone umide e le praterie di Posidonia. Quasi il 41% delle spiagge della regione RAMOGE presenta un rischio elevato, di cui il 13,9% è ad altissimo rischio.

Ulteriori ricerche dovrebbero essere condotte sulla valutazione economica degli ecosistemi e degli habitat su scala mediterranea, al fine di ottenere informazioni più precise e tempestive che consentano un calcolo più accurato dei costi relativi al rischio di perdita del patrimonio costiero a causa dei cambiamenti climatici.