Vedi tutti gli eventi

RAMOGE È PARTNER DELLO STUDIO CO-CLIME
martedì 9 luglio 2019

L'Accordo RAMOGE partecipa, nell'ambito delle attività di monitoraggio della microalga Ostreopsis ovata, al progetto di ricerca europeo Co-Clime.

L'Accordo RAMOGE partecipa, nell'ambito delle attività di monitoraggio della microalga Ostreopsis ovata, al progetto di ricerca europeo Co-Clime.

L'obiettivo di questo studio è quello di valutare, in relazione al cambiamento climatico, l'impatto degli effetti dell'aumento delle alghe tossiche sulle coste atlantica e mediterranea, al fine di aiutare le autorità pubbliche e gli attori privati ad anticiparle meglio.

Per realizzare questo studio, un dottorando e una studenta di Master dell'Università di Nantes, partner scientifico del progetto, effettueranno un'indagine tra gli abitanti del Principato di Monaco tra il 16 giugno e il 15 agosto. L'indagine consiste in un questionario di 30 minuti che chiede ai volontari quali sono le loro abitudini attuali in termini di uso della spiaggia a Monaco e nella sua regione, nonché le loro possibili reazioni ai diversi scenari futuri legati al riscaldamento globale.

Il questionario sarà condotto nei principali luoghi pubblici del Principato, tra cui la spiaggia del Larvotto, la spiaggia dei pescatori, i giardini pubblici e il Quai Albert 1er. I due intervistatori saranno riconoscibili grazie alla maglietta dell'Università di Nantes e ad un badge dedicato.

La missione dell'Università di Nantes è di studiare i possibili effetti di queste alghe sul comportamento e le abitudini degli abitanti di Monaco, Nizza e Marsiglia e dei turisti, in particolare per quanto riguarda le attività ricreative legate all'uso della costa mediterranea. La responsabilità scientifica di questa ricerca è assunta da Muriel Travers, professoressa di economia all'Università di Nantes. I dati raccolti saranno completamente anonimi e trattati esclusivamente dal team di ricerca universitaria guidato dalla Prof.ssa Travers. I risultati non saranno utilizzati a fini commerciali. I risultati saranno utilizzati per alimentare la banca dati necessaria alla ricerca su questo nuovo tema, legato ai cambiamenti climatici.

 

Trova qua l'intervista di Monaco Info su quest'iniziativa!